HomeIl MaestroLa ScuolaMaestriI SeminariFotoEventiContattiAllievi
 

TAI JI QUAN - CENNI STORICI

 

 

 

 

 
 

Lan Shou Men PaiBa Ji QuanBa Gua ZhangTai Ji QuanXing Yi QuanQin'NaFilosofia TaoistaQi Gong

 

 

 

 

e il nostro corpo sarà leggero come una piuma e nello stesso tempo pesante come una montagna e ben radicato al terreno. Sembra un paradosso ed è realtà difficilmente spiegabile a parole soltanto la pratica sarà chiarificatrice di questo concetto. La pratica del TAI JI QUAN promuove il corretto flusso del (Qi), il rafforzamento del sistema immunitario migliorando la circolazione sanguigna e tutte le funzioni vitali ed endocrine dell'organismo.

M° Li Rong Wei nell'esecuzione della Forma 24

 

Dal  punto di vista marziale è ricco di azioni Qin'Na, leve articolari, proiezioni, bloccaggi, colpi con le mani  di  vario  tipo  e calci. Viene usata la tecnica Fah Chin (esplosione di energia) nelle tecniche. Vengono sfruttati i principi di cedevolezza e dell' uso della forza dell' avversario nelle tecniche. Lo stile comprende l'allenamento di coppia Tui Shou (spinta delle mani), il Qi gong, l' esecuzione delle forme a mano nuda e con le armi (spada).  I l  Tai Ji Quan comprende vari stili : Chen, Yang, Sun, Wu ed altri ancora. Lo stile più praticato è lo Yang dove le forme vengono eseguite lentamente anche se le  applicazioni  in  esse  contenute  sono  rapide ed  efficaci.  Lo  stile Chen è probabilmente il più vicino alla fonte  originaria  ed  è  più dinamico nell'  esecuzione  delle  forme.  La  fluidità e la continuità dei movimenti sono comune denominatori di tutti gli stili di Tai Ji

M° Chamg San Feng

Allora Chang San Feng comprese che in un combattimento la morbidezza e la flessibilità possono vincere sulla forza e sulla durezza per mezzo di movimenti circolari e continui, preferibili a quelli rettilinei ed interrotti. Proprio come, molti secoli prima, Il filosofo Lau Tzu aveva insegnato. Egli applicò alle Arti Marziali ciò che aveva appreso, creando il T'ai Ji Quan. Secondo un'altra leggenda Chang San Feng imparò il Tai Ji Quan in un sogno. Con ogni probabilità i praticanti di questo stile vollero nobilitarne le origini attribuendole ad un famoso monaco taoista. A Chang San Feng è inoltre attribuita la paternità di un famoso testo classico dal titolo Teoria del Tai Ji Quan .

 
Il Tai Ji Quan appartiene alla famiglia Nei Chia (Stili Interni) ed è il più diffuso stile di Kung Fu nel mondo. In Cina, nei parchi viene praticato continuamente per fini terapeutici, prevenzioni delle malattie e in generale per mantenere un buon stato di salute. Non bisogna però dimenticare che il Tai Ji Quan ha radici marziali e racchiude in se una serie di principi e di tecniche molto efficaci nella difesa personale. Per una completa comprensione dello stile bisogna quindi studiare l'aspetto energetico (Qi Gong) e quelle delle applicazioni marziali nascoste sapientemente nei movimenti delle forme. L'esecuzione della forma (Kung Chia) senza applicazione dei principi energetici legati alla respirazione addominale e al flusso di energia nei Meridiani diventa non molto dissimile da una danza fluida ed è associabile alla ginnastica dolce. Con l'applicazione del Qi Gong nei movimenti si arriva ad un notevole benessere interiore, tutti gli organi ne risentiranno positivamente

 

Il Tai Ji Quan e' una esperienza interiore nient' affatto dissociata dal corpo,  dove  ciò  che  si  vede esternamente rappresenta appena la punta di un iceberg. La pratica del Tai Ji va dunque sperimentata per essere compresa. E'  chiaro  che  all' inizio  la  parte fisica del Tai Ji sarà preponderante rispetto a quella "spirituale" ma sotto la guida di un buon insegnante e mettendoci del nostro si potrà arrivare  a  comprendere  l' essenza  dello stile.  Gli  esperti  dicono che questa strada e' lunga e solo chi non avrà fretta  di  raggiungere  i  risultati  sperati  potrà  arrivare  ad  una  maggiore  comprensione.  Il  Tai Ji  e'  uno  stile  Taoista  ed  e' contraddistinto dal simbolo del TAO che  sinteticamente  rappresenta  l' equilibrio  degli  opposti .

M° Li Rong Wei nell'esecuzione della Forma 24

 

 

La tradizione popolare attribuisce la creazione del Tai Ji Quan (Pugilato della suprema polarità) a Chang San Feng, un monaco taoista che sarebbe nato verso la fine della dinastia Sung (960-1279), e morto verso l'inizio della dinastia Ming (1368-1644). Egli era un monaco taoista che visse ed insegnò sul monte Wudang, nella provincia di Hu Pei. Una nota leggenda descrive Chang San Feng, già esperto di Arti Marziali, che assiste al combattimento tra una gru ed un serpente. Quest'ultimo si sottraeva ai secchi colpi col becco da parte della gru con movimenti morbidi, flessuosi, lenti e continui, contrattaccando poi con enorme rapidità ed agilità.

 

Tao

 

HomeIl MaestroLa ScuolaMaestriSeminariFotoEventiAllievi